Eugenio Raimondo

"non basta sapere, bisogna anche applicare
non basta volere, bisogna anche fare."
                                          (J.W. Goethe)

Eugenio Raimondo con Roberta Capua a UnoMattina

Google

banner


20/01/2019

Curriculum
Titoli
Congressi nazionali
Conferenze e congressi internazionali
Docenze
Società scientifiche e culturali
Ordini professionali
Attività medica
Attività specialistica
Attività giornalistica e consulenze
Servizio militare
Titoli onorifici
Pubblicazioni
Università
La Sapienza Roma
NY University
Göteborg University
Attività lavorativa
Studio di Roma
Studio di Paola
Ospedale Israelitico
Ospedale di Cetraro
Studio medico
Attività sociale
Associazione Euridice
Attività teatrale
ANFAAS
SIOH
Collaboratori
SIOH Calabria
Documenti
Editoriali
Testimonianze
La mia vita


MTM n. 27

Direttore responsabile della rivista Medical Team Magazine

Pubblicato il numero 27.


Clownterapia
Ridere per vivere

logo Medical Team

Studio di Roma
Via I.Nievo 61, 00153 Roma
tel. 06 5813375-5811022

Mappa


logo Medical Team

Studio di Paola
C.da Tina,
87027 Paola (CS)
tel. 0982 621005-582208

Mappa




Editoriali

Il farmaco e l'uomo
MEDICAL TEAM MAGAZINE Anno 3 - Numero 6 - nov/dic 2004


Se si torna a casa senza ricetta medica non si è contenti come se la visita fosse stata inutile. Non interessa comprendere il perché di un sintomo, ma di farlo scomparire

Risultato delle conquiste tecnologiche dell’era moderna è il farmaco, come tanti prodotti che hanno cambiato la qualità della vita. Ma è sempre in meglio? Certo per alcuni di essi la ripercussione a livello sociale è stata importante. Molte malattie infettive per esempio sono state debellate. Si pensi alla tubercolosi che fino a qualche decennio fa era temuta come il cancro di oggi.
Ricordiamo tanti altri successi come i farmaci per l’ ulcera gastrica, un tempo curata solo dal chirurgo, gli antiepilettici, il cortisone, ed altri. Oggi, lo sviluppo farmaceutico ha seguito il cambiamento societario con l’imporsi di nuovi ideali e nuovi status. Ci sono farmaci per dimagrire, per non procreare, per dormire, per l’impotenza, per l’invecchiamento. In una società consumistica il farmaco rappresenta un bene di consumo, la ricerca della soluzione di un problema, che deve essere immediata e che consenta al paziente di riportarsi in breve tempo nel suo precedente stato di salute. In una società sempre più frenetica, sembra non esserci posto per una medicina umana ma per una medicina rapida, immediata e risolutiva. Non possiamo permetterci di stare a letto un giorno per un mal di schiena o per un mal di testa. E’ lì che nasce il compromesso tra il medico ed il paziente. Se prescriviamo il farmaco giusto, mirato, potente e il dolore passa allora sei bravo. «C’ha indovinato subito». Sono queste le parole che spesso ascoltiamo nelle nostre sale di attesa. Si và dal medico per la prescrizione del farmaco miracoloso. Se si torna a casa senza la ricetta medica non si è contenti come se è stata inutile la visita. Non interessa comprendere perché di un sintomo, ma di farlo scomparire. E’ più bravo un medico che ti dà qualcosa rispetto ad un altro che ti dice che sei in buona salute e non hai bisogno di niente. Uno dei principali insegnamenti che abbiamo ricevuto durante il nostro corso di laurea è di non nuocere e quindi di non recare danni somministrando per esempio trattamenti inutili. Ma spiegare al paziente che un farmaco è veramente inutile, non è sempre facile. Intanto la spesa farmaceutica è considerata uno dei principali capitoli economici del piano sanitario regionale.
È sempre più necessario il ritorno ad una medicina “del colloquio” con il paziente per capire le cause del sintomo e combatterle. Il sintomo, è infatti, un grido d’allarme lanciato dal nostro organismo per avvisarci che qualcosa non va. Soffocare questo grido non serve a nulla ma per mirare al vero benessere bisogna assolutamente capirne la provenienza. Ci deve essere da parte del paziente una maggior disciplina farmaceutica evitando di ricorrere a farmaci miracolosi che in cambio di un immediato benessere non garantiscono la risoluzione del problema, e da parte del medico una maggior attenzione verso il paziente anche se questo a volte vuol dire non assecondare nell’immediato le sue richieste.

Eugenio Raimondo © 2007 www.eugenioraimondo.it
webmaster: Vetere Domenico