Eugenio Raimondo

"non basta sapere, bisogna anche applicare
non basta volere, bisogna anche fare."
                                          (J.W. Goethe)

Eugenio Raimondo con Roberta Capua a UnoMattina

Google

banner


25/03/2019

Curriculum
Titoli
Congressi nazionali
Conferenze e congressi internazionali
Docenze
Società scientifiche e culturali
Ordini professionali
Attività medica
Attività specialistica
Attività giornalistica e consulenze
Servizio militare
Titoli onorifici
Pubblicazioni
Università
La Sapienza Roma
NY University
Göteborg University
Attività lavorativa
Studio di Roma
Studio di Paola
Ospedale Israelitico
Ospedale di Cetraro
Studio medico
Attività sociale
Associazione Euridice
Attività teatrale
ANFAAS
SIOH
Collaboratori
SIOH Calabria
Documenti
Editoriali
Testimonianze
La mia vita


MTM n. 27

Direttore responsabile della rivista Medical Team Magazine

Pubblicato il numero 27.


Clownterapia
Ridere per vivere

logo Medical Team

Studio di Roma
Via I.Nievo 61, 00153 Roma
tel. 06 5813375-5811022

Mappa


logo Medical Team

Studio di Paola
C.da Tina,
87027 Paola (CS)
tel. 0982 621005-582208

Mappa




Editoriali

Anche la medicina sta cambiando?
MEDICAL TEAM MAGAZINE Anno 3 - Numero 3/4 - mag/ago 2004


La posizione espressa dalla Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici di considerare “atto medico” l’esercizio delle nove Medicine Non Convenzionali e lo stop del Comitato Nazionale di Bioetica al loro riconoscimento scientifico, ci ha spinto a dedicare uno Speciale alle Mnc per iniziare un dialogo con l’Altra Medicina.
La domanda si impone: perché un numero sempre crescente di persone fanno ricorso ai trattamenti terapeutici delle Mnc?
Le ragioni di questo cambiamento sono molteplici: le Mnc riscoprono la globalità dell’atto medico, mettono in discussione proprio la concezione meccanicistica dell’organismo umano e della natura e, per converso, sottolineano la visione olistica dell’essere umano. Infatti non curano la malattia bensì il malato. La malattia è il segnale di un disagio più profondo che coinvolge l’intera sfera dell’individuo preso non semplicemente come un insieme di meccanismi biochimici. Le Mnc si vogliono occupare della salute intesa come una condizione generale di benessere. Concetto che è poi conforme alla nuova definizione di salute dell’Organizzazione Mondiale della Sanità come «stato di benessere fisico, psichico e sociale, complessivo, e non solo come assenza di malattia».
Tornando ai cambiamenti che sembrano mettere in discussione anche i principi epistemologici della ricerca medica, l’omeopatia, per esempio, utilizza farmaci costituiti da un solvente in cui proprio per l’alta diluizione non contengono più molecole del principio attivo. La caratteristica del farmaco omeopatico è proprio questa: nel solvente rimane impresso, come lo chiamava Paracelso, un Arcanum della sostanza disciolta ma che è, ad oggi, un fenomeno praticamente impossibile da dimostrare scientificamente ma che empiricamente sembra funzionare. Altrimenti come sarebbe possibile dopo duecento anni di pratica clinica omeopatica che migliaia di medici omeopati in tutto il mondo continuino a curare e altrettanti pazienti continuino a guarire? Sono tutti suggestionati dall’effetto placebo? E cosa dire dei risultati positivi ottenuti in Francia e nel Nord dell’Italia dove l’omeopatia è impiegata negli allevamenti industriali e nelle scuderie? Anche gli animali subiscono l’effetto placebo? Dice giustamente Giuseppe Del Barone, Presidente della Fnomceo, nel Rapporto sull’omeopatia 2003: «Il fatto che una metodica sia dotata di un Dna che ci è ancora sconosciuto, non vuol dire che ne sia priva o che quel determinato Dna sia privo di credibilità».
La salute non può essere un bene acquistabile tramite il consumo di determinate terapie o prodotti salutari. Richiede una condizione d’equilibrio con noi stessi, gli altri e l’ambiente per raggiungere quel benessere che la medicina da sola non può dare.

Eugenio Raimondo © 2007 www.eugenioraimondo.it
webmaster: Vetere Domenico