Eugenio Raimondo

"non basta sapere, bisogna anche applicare
non basta volere, bisogna anche fare."
                                          (J.W. Goethe)

Eugenio Raimondo con Roberta Capua a UnoMattina

Google

banner


25/03/2019

Curriculum
Titoli
Congressi nazionali
Conferenze e congressi internazionali
Docenze
Società scientifiche e culturali
Ordini professionali
Attività medica
Attività specialistica
Attività giornalistica e consulenze
Servizio militare
Titoli onorifici
Pubblicazioni
Università
La Sapienza Roma
NY University
Göteborg University
Attività lavorativa
Studio di Roma
Studio di Paola
Ospedale Israelitico
Ospedale di Cetraro
Studio medico
Attività sociale
Associazione Euridice
Attività teatrale
ANFAAS
SIOH
Collaboratori
SIOH Calabria
Documenti
Editoriali
Testimonianze
La mia vita


MTM n. 27

Direttore responsabile della rivista Medical Team Magazine

Pubblicato il numero 27.


Clownterapia
Ridere per vivere

logo Medical Team

Studio di Roma
Via I.Nievo 61, 00153 Roma
tel. 06 5813375-5811022

Mappa


logo Medical Team

Studio di Paola
C.da Tina,
87027 Paola (CS)
tel. 0982 621005-582208

Mappa




Editoriali

Abituarsi ad amare il prossimo
MEDICAL TEAM MAGAZINE Anno 2 - Numero 3/4 - mag/ago 2003


Il prossimo prende ma ti dà. E quando ne senti il peso non ti sei allenato abbastanza.

Fermarsi ogni tanto a pensare. Pensare alla vita che scorre, alla sua inevitabile fine, ad un passato ormai troppo lontano. Lo scafo veloce slitta sul mare azzurro e calmo mentre un gabbiano lo affianca e lo insegue. Il sole rosso si adagia sull’orizzonte. Un suo raggio disegna una stella sugli occhiali neri del mio amico Salvatore. Salvatore è cieco. È con altri amici non vedenti. Ci siamo immersi nei fondali ricchi e azzurri del Sud: in Calabria (Isola di Dino). A 25 metri era immobile e ci tenevamo per mano. Con l’altra accarezzava una stella marina. Quanta tenerezza nella sua ricerca. Entriamo in una grotta fredda e profonda. Poi mi dirà: «Quanto era buia!». Non capivo come potesse comprenderlo. Segue Piero, l’istruttore, con fiducia e abbandono. Gli altri, a turno, tutti nella grotta. Più tardi, la risalita.Controllo il computer e tutti in barca. «Cosa hai provato?» gli chiedo mentre mi passa il Gav. «Quello che hai provato tu» mi risponde. «Non hai avuto paura?». «No… e perché? E poi, ho fiducia». «Vedi», mi dice, «io non trascuro nulla, mi gusto tutte le sensazioni che diventano emozioni. Tu forse non apprezzi sempre tutto ciò che vedi, la vita a volte ti scorre veloce e non ti soffermi veramente a guardare con ammirazione». «È vero» gli rispondo. Sono tutti contenti sulla barca. Si avverte un’armonia e un senso di comunione. Macchie gialle, verdi, rosse, blu si susseguono sulla spiaggia. Un pittore forse vi ha provato i suoi colori. Le montagne floride si affiancano e a tratti si spezzano e le onde vi si cullano. Da lontano, pescatori tirano le reti. E noi sempre più veloci. Salvatore, grazie.
Oggi ho ammirato e apprezzato come tu mi hai consigliato. Il gabbiano vira verso il sole.
Bisogna abituarsi ad amare il prossimo. Meglio un po’ al giorno. Il prossimo prende, ma ti dà. E quando ne senti il peso non ti sei allenato abbastanza.

Eugenio Raimondo © 2007 www.eugenioraimondo.it
webmaster: Vetere Domenico