Eugenio Raimondo

"non basta sapere, bisogna anche applicare
non basta volere, bisogna anche fare."
                                          (J.W. Goethe)

Eugenio Raimondo con Roberta Capua a UnoMattina

Google

banner


20/01/2019

Curriculum
Titoli
Congressi nazionali
Conferenze e congressi internazionali
Docenze
Società scientifiche e culturali
Ordini professionali
Attività medica
Attività specialistica
Attività giornalistica e consulenze
Servizio militare
Titoli onorifici
Pubblicazioni
Università
La Sapienza Roma
NY University
Göteborg University
Attività lavorativa
Studio di Roma
Studio di Paola
Ospedale Israelitico
Ospedale di Cetraro
Studio medico
Attività sociale
Associazione Euridice
Attività teatrale
ANFAAS
SIOH
Collaboratori
SIOH Calabria
Documenti
Editoriali
Testimonianze
La mia vita


MTM n. 27

Direttore responsabile della rivista Medical Team Magazine

Pubblicato il numero 27.


Clownterapia
Ridere per vivere

logo Medical Team

Studio di Roma
Via I.Nievo 61, 00153 Roma
tel. 06 5813375-5811022

Mappa


logo Medical Team

Studio di Paola
C.da Tina,
87027 Paola (CS)
tel. 0982 621005-582208

Mappa




Editoriali

Una diagnosi errata
MEDICAL TEAM MAGAZINE Anno 2 - Numero 1 - gen/feb 2003


Quando tutto ormai ti sembra finito, una grave malattia sta portando via una persona cara e ti senti dire «purtroppo la prognosi è grave, le rimangono pochi mesi di vita», non perdere la speranza. Questo perché è l’uomo che interpreta dei dati e pertanto può sbagliare. Allora, non abbandonarti all’inevitabile ma scuotiti, apri gli occhi e comincia a guardare intorno.
Purtroppo è successo a me, ad un medico.
A mia madre, per una grossa massa renale dx (circa 10cm) e sn (circa 2cm) con profuse e confluenti metastasi retroperitoneali intorno alla vena cava (pacchetti linfonodali) e sopraclaveari, ricoverata presso un noto Centro Universitario Romano, le è stato diagnosticato un grave tumore renale ormai in stadio avanzato.
È stato deciso così di sottoporla a nefrectomia totale dx e parziale sx con probabile dialisi futura e escissione dei pacchetti linfonodali, ove più possibile, in attesa ovviamente dell’esito infausto.
Non mi sono mai rassegnato a tale diagnosi anche se i colleghi mi facevano notare che dall’aspetto delle masse rilevate alla TAC non poteva trattarsi di altro tipo di tumore.
Ma un passaggio mancava, forse il più importante: la diagnosi istologica.
Così, dimessa dal 1° ricovero, effettua in Day Hospital la biopsia del linfonodo sopraclaveare presso l’ospedale «Il Gemelli» dalla quale si effettua la diagnosi istologica di linfoma N-H, confermata successivamente da una biopsia renale presso l’ospedale «S. Eugenio». Il trattamento, come sappiamo, diventa chemioterapico (CHOP) con enorme aspettative di vita.
Dopo il 3° ciclo la grossa massa si è ridotta dell’80%. Ringrazio l’equipe di Ematologia del Prof. Amadori dell’Università di «TorVergata» ed in particolare il Dr. Alessio Perrotti che mi hanno confermato che non bisogna perdere la speranza.

Eugenio Raimondo © 2007 www.eugenioraimondo.it
webmaster: Vetere Domenico